logo

Cerca nel sito


I testi, le informazioni e gli altri dati pubblicati in questa sezione nonchè i link ad altri siti presenti sul sito hanno esclusivamente scopo informativo e non assumono alcun carattere di ufficialità. Non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni di qualsiasi tipo e per qualunque tipo di danno diretto, indiretto o accidentale derivante dalla lettura o dall'impiego delle informazioni pubblicate, o di qualsiasi forma di contenuto presente nel sito o per l'accesso o l'uso del materiale contenuto in altri siti.

Infoimprese

www.infoimprese.it
Cerca per nome
Cerca per prodotti

RSS Feed

Sottoscrivi i nostri feed e leggi i nostri articoli nel tuo browser
Elettrolink

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle nostre novità, promozioni ed informazioni utili. Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter. No account yet? Register
Technogenics
Preferisci guardare:
 

Gps Galileo

Galileo è il sistema di posizionamento alternativo al gps tradizionale, le cui peculiarità sono quelle di essere un sistema di navigazione globale civile interamente sviluppato in Europa e quindi, a differenza del gps che siamo abituati a conoscere, non vincolato al controllo del dipartimento della difesa americano.

La sua effettiva operatività è prevista per il 2013 e si baserà su una rete di 30 satelliti orbitanti su tre piani inclinati sull'equatore a una distanza di 24.000 Km dalla superficie terrestre.

Gli obiettivi degli enti che lo hanno sviluppato sono quelli di garantire una ulteriore precisione rispetto alla rete attualmente disponibile, una migliore copertura rispetto alle latitudini più alte e di non avere limitazioni in condizioni di tensioni internazionali o in presenza di conflitti.

Il programma "Galileo" fu avviato ufficialmente il 26 maggio del 2003 con un accordo siglato tra Comunità Europea ed Agenzia Spaziale Europea; tuttavia, in seguito alla difficile crisi economica successiva, molti paesi facenti parte dell'accordo si tirarono indietro dichiarandosi disponibili ad utilizzare il sistema gps tradizionale. Francia ed Italia continuano ad oggi a sostenere lo sviluppo di questo progetto l cui costo complessivo si aggira attorno ai 3 miliardi di Euro che comprendono sia la realizzazione delle stazioni terrestri, sia la costruzione ed il lancio dei 30 sateliti da posizionare in orbita. Da notare che nel 2003 anche la Cina ha aderito all'iniziativa con un investimento di circa 230 milioni di Euro ed in seguito da luglio 2004 anche Israele si è unita attivamente allo sviluppo del progetto. Voci ancora non confermate indicherebbero come ulteriori partner Cile, Giappone, Brasile, India, Corea del sud, Australia, Marocco e Canada, mentre la Russia starebbe studiando un piano di interazione tra Galileo e GLONASS.

I lanci dei satelliti sono già cominciati, il primo denominato GIOVE è stato posto in orbita nel dicembre del 2005, altri due satelliti saranno presto in orbita per poter cominciare ad effettuare prove tecniche sulle frequenze radio e sulla stabilità orbitale degli orologi, il passo successivo sarà il lancio di altri due satelliti che completeranno il programma di verifica e convalida in orbita di Galileo.

Una delle caratteristiche di Galileo è di poter contare su una costellazione di satelliti in grado di fornire dati di posizione geografica terrestre di altissimo livello qualitativo, oltre a piattaforme capaci di essere impiegate anche per telecomunicazioni. In pratica il sistema Galileo è stato concepito come un nucleo di un sistema implementabile nel tempo per l'offerta di servizi integrati che spaziano dalla sorveglianza, al controllo del territorio, alle attività legali, assicurative agricole ecc.

Tutto questo è possibile grazie alle molteplici applicazioni che si possono sviluppare sulla piattaforma, le quali già oggi prevedono un efficace controllo di posizione anche per i vettori areonautici assicurando atterraggi e decolli in sicurezza anche in condizioni di visibilità estremamente critiche. In campo marittimo contribuirà allo sviluppo dell'AIS ossia automated identification sistem.

Altra importante applicazione sarà la creazione di un numero unico europeo per la richiesta di soccorso detto  E 112, grazie al quale gli organi di soccorso avranno la possibilità di tracciare in tempo reale la posizione di chi richiede assistenza con estrema precisione.

L'unico "neo" tra tanti vantaggi, o almeno ciò che per ora appare sulla carta è la precisione di questo sistema anche in caso di tensione politica o conflitti; ricordiamo che il sistema gps tradizionale gestito dagli americani, prevede nel verificarsi di condizioni "problematiche" lo sfasamento voluto dei dati forniti dai satelliti gps secondo un algoritmo piuttosto complesso, questo garantisce l'uso del sistema solo a chi è a conoscenza dell'algoritmo che permette di ricostruire la posizione presisa fornita dal gps ed allo stesso tempo inibendo o rendendo imprecisi i dati ad esempio a  potenziali terroristi. Vedremo in seguito come questo problema sarà risolto....

 

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
 

Login

Registrati e avrai accesso alle pagine e alle funzioni riservate del sito. Registrandoti, dichiari di avere letto l'informativa sulla privacy nel menù risorse utenti e di acconsentire al trattamento dei dati.



Technogenics

Traduci il sito

Chi c'è online

 31 visitatori online
Ricerca personalizzata

Gli articoli tecnici

Le informazioni fornite nel sito sono...
 

Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla Template, web hosting. Valid XHTML and CSS.