logo

Cerca nel sito


I testi, le informazioni e gli altri dati pubblicati in questa sezione nonchè i link ad altri siti presenti sul sito hanno esclusivamente scopo informativo e non assumono alcun carattere di ufficialità. Non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni di qualsiasi tipo e per qualunque tipo di danno diretto, indiretto o accidentale derivante dalla lettura o dall'impiego delle informazioni pubblicate, o di qualsiasi forma di contenuto presente nel sito o per l'accesso o l'uso del materiale contenuto in altri siti.

Infoimprese

www.infoimprese.it
Cerca per nome
Cerca per prodotti

RSS Feed

Sottoscrivi i nostri feed e leggi i nostri articoli nel tuo browser
Elettrolink

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle nostre novità, promozioni ed informazioni utili. Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter. No account yet? Register
Technogenics
Preferisci guardare:
 

Evitare lo scatto del contatore utilizzando il relè di potenza

Fatta la premessa che molti impianti elettrici sono dotati di impianti di illuminazione di emergenza o di gruppi di continuità che assicurano una certa riserva di energia, spesso, può tornare utile prevenire lo scatto del contatore Enel ; questa esigenza può nascere per evitare il successivo riarmo, oppure per  evitare sbalzi di tensione sulla rete a seguito di aperture con carico eccessivo e in conseguenza sovratensioni di apertura ecc.

Il dispositivo utilizzabile allo scopo prende il nome di  “Relè di potenza” . Per semplicità descrittiva faremo riferimento ai modelli più utilizzati in commercio e quindi quelli per gli impianti civili residenziali monofase, con una capacità di gestione riferita al carico compresa tra i 3 e i 6 KW.

Questi dispositivi hanno contenitori installabili su barra Din e solitamente occupano nei quadri tra i 2 e i 4 moduli,  al loro interno una logica supervisiona  gli assorbimenti  e procede al controllo di due contatti puliti che vengono connessi a due circuiti di fase distinti e comunque protetti a valle da appositi interruttori magneto termici:

I contatti del relè di potenza  sono due, uno dedicato ai carichi prioritari, ed il secondo ai carichi non prioritari.

Starà all’installatore cablare il circuito in modo da definire e collegare a quest’ultimo contatto i carichi che di logica sono definiti non prioritari. Ma quali possono essere i carichi non prioritari? Semplice, tutti quei carichi la cui alimentazione può essere interrotta e riattivata dopo qualche tempo senza che il proprio ciclo produttivo ne risenta; è il caso di forni, scaldabagni, pompe e quanto desiderato dall’utente.

Il  relè di potenza, è tarato su un assorbimento massimo consentito, solitamente poco al di sotto della soglia del contatore , non appena questo assorbimento viene superato il relè attiva una segnalazione acustica che permette all’ utente entro un certo tempo di ridurre l’assorbimento, se diversamente il superamento persiste, il relè provvede al distacco temporaneo dei carichi non  prioritari che verranno riattivati successivamente nel  momento  in cui l’assorbimento massimo si normalizzerà.

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
 

Login

Registrati e avrai accesso alle pagine e alle funzioni riservate del sito. Registrandoti, dichiari di avere letto l'informativa sulla privacy nel menù risorse utenti e di acconsentire al trattamento dei dati.



Technogenics

Traduci il sito

Chi c'è online

 76 visitatori online
Ricerca personalizzata

Gli articoli tecnici

Le informazioni fornite nel sito sono...
 

Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla Template, web hosting. Valid XHTML and CSS.